Finalmente svelata la sorpresa che ho voluto fare a tutti gli amici di Autocrossmania.it; c'era l'occasione di andare in Olanda e, seppure le ore fossero piuttosto "contate", ce l'abbiamo fatta! Personalmente penso che ognuno di noi, almeno una volta, abbia voluto, o perlomeno pensato, di vedere cosa c'è ad Ulft, sede della Fast&Speed. In Italia arrivano telai, pezzi particolari e vetture complete, ma difficilmente ci si può immaginare quale sia la vera realtà delle cose...se non vedendo!

La scusa era quella di passare a prendere il nuovo telaio completo di carrozzerie per Schiavon (prossima quindi la realizzazione di un gruppo 3/A conforme ai regolamenti FIA, l'inizio sembra molto convincente!), come si può vedere dalla foto.

Ed è stata una motivazione comunque premiante, vedendo il lavoro svolto dagli Olandesi sul telaio, molto ben curato anche nei minimi particolari, sopratutto per quanto riguarda le saldature. L'officina, compresa di negozio in fronte strada, si trova a pochi kilometri dal confine con la Germania, e risulta piuttosto semplice da raggiungere (sono i 1250 km prima che fanno, ma solo a volte, paura...).

 

    

 

Come sopra scritto non si tratta di una semplice officina, bensì c'è una struttura creata ad-hoc per tutto ciò che riguarda Autocross e Tout-Terein.Il negozio, veramente ampio e pieno "di tante belle cose" si apre nel piazzale retrostante, dove si pù trovare un'officina per le lavorazioni meccaniche di precisione, una sala per il montaggio dei propulsori ed una dedicata alla verniciatura. Leggermente staccato c'è il capannone, strutturato in "open-space" con dei box separati dove vengono eseguiti i lavori di manutenzione alle vetture. Dime e controtelai non mancano dunque.

Ad ogni macchina è riservato un posto attorno al quale c'è tutto il necessario per una accurata manutenzione; i posti in totale sono 6.

 

         

Alla fine dell'officina trova spazio la sala prova motori, con un banco prova frenato ad oltre 600 CV, sufficiente dunque per domare tutti i 550 cv del propulsore Golf Volumetrico proposto in foto.

 

 

Possiamo affermare con tutta tranquillità che l'ordine regna sovrano, visto e considerato che tutto il lavoro è strutturato in maniera gerarchica, il capo è Johnny, segue un capo officina, ed 8 operai tra cui Frits Duizendstra, Campione Europeo Divisione 3 nel 2002.

La mole di lavoro è estremamente impressionante, sopratutto in considerazione del fatto che, a quanto pare, il tiro maggiore sia del Tout Terein.

Non c'erano vetture da Autocross pronte, se non un Maggiolone 2RM motorizzato Honda 1.6 e due telai uno in fase di "recupero" ed uno in completamento. Macheronico ma sempre capibile l'italiano di Johnny, che definiva il Maggiolone "il Mototopo".... spaziale!

 

  

 

C'erano infine ben 4 vetture pronte per una gara Baja in Spagna per metà luglio, veramente spaventose da vedere... velocità oltre 180 km/h, motori 2.5 aspirati, dimensioni extra-large e trazione esclusivamente posteriore. Ammortizzatori di dimensioni esagerate garantivano alle sospensioni posteriori escursioni odi oltre 60 cm... fate un po' voi... bello pure il sistema di gonfiaggio "pneumatici in corsa" con compressore interno al veicolo e condotto dell'aria passante per il mozzo della ruota!

 

 

Impressionante il negozio, all'interno del quale si possono trovare ogni genere di ricambi e pezzi speciali, sopratutto per motori VW e Porsche, ogni commento è del tutto superfluo...

 

                 

 

Una bella avventura quindi, a parte la strada che veramente non finiva mai...( si ringrazia a tal proposito il fornitore del GPS utilizzato durante la spedizione, Bruno Cosmo). Peccato non aver potuto osservare i circuiti del luogo perché non presenti.... infatti in Olanda si corre esclusivamente su terreni agricoli che vengono mano a mano preparati per le competizioni e poi rimessi nella situazione antecedente la gara.   

 

 

29 Giugno 2004